Giuseppe Biagiotti

Centro Selezione Del Biagio - Fano (Pesaro Italia)

C’è una frase che ricordo volentieri, è di Arthur Schopenhauer, “Chi non ha mai avuto un cane non sa cosa vuol dire essere amati”. Personalmente posso affermare che chi ha convissuto felicemente con un Alaskan Malamute sa cosa vuol dire essere amati.La mia avventura con questa stupenda razza inizia nel lontano 1982, quando decisi di esporre una bellissima Boxer che possedevo, all’expo cinofila di Padova. Fui colpito dalle centinaia di cani presenti quando poi il mio sguardo incrociò quello di un cane, all’epoca a me ancora sconosciuto, rimasi letteralmente folgorato.

Era un Alaskan Malamute un cane poderoso e ben costruito, con petto profondo e corpo solido. La coda folta è portata come una piuma ondeggiante. I suoi occhi, orecchie e muso fanno di questo cane un quadro vivente. Il suo movimento è pura poesia, quando un malamute passa al trotto, nel preciso istante in cui inizia la sospensione per eseguire il single track, si manifesta l’essenza stessa della razza. Ammirare questo mi ha sempre procurato forti emozioni.Cominciai a documentarmi sulla razza, sempre più affascinato da quello che scoprivo. Così quando, qualche tempo dopo, il Boxer mi fu rubato, decisi di condividere la mia vita con gli Alaskan Malamute. Orientai le mie ricerche negli USA, patria della razza, e nel 1984 dalla Virginia importai una bellissima femmina HOKIE HI FIRE STORM, con la quale iniziai a frequentare le mostre di bellezza. I risultati furono eccellenti in quarantotto esposizioni vinsi quarantasette volte. Preso dall’entusiasmo, importai dal Maryland un maschio KIVALIK’S KHAUNA e altre femmine, ottenendo diverse linee di sangue su cui lavorare.Un grosso merito del mio successo lo devo alla signora Vicky Jones che mi diede una coppia di cani fantastici VYKON’S WIND BENEATH MY WINGS e sua sorella VYKON’S GA PEACH DEL BIAGIO, che si rivelarono due ottimi riproduttori.

L’amore per questa meravigliosa razza, mi aveva coinvolto al punto che decisi di dedicarmi a tempo pieno al suo allevamento. Una scelta supportata dalla mia famiglia che mi ha consentito di allevare e vivere per la razza nel modo migliore. Selezionare una razza, è la valorizzazione del cane, soddisfare le sue specificità, ma anche il suo bisogno di vivere una vita sana. Ho sempre pianificato e programmato gli accoppiamenti per ottenere cuccioli forti ed equilibrati, morfologicamente conformi allo standard. Non è stato facile e tantomeno semplice. Ci sono stati certamente molti successi, ma anche fatica e qualche delusione. Ritengo, però, che alla lunga, costanza e serietà paghino sempre. Ho impiegato anni di duro lavoro per ottenere riconoscimenti nazionali, europei e mondiali.

Le radici del successo della mia linea di sangue, sono da ricercare in AXEL DEL BIAGIO e prima ancora in REDFLOWER DEL BIAGIO. Un soggetto di colore rosso, decisamente raro, era particolarmente bello e con una pigmentazione perfetta. Oltre a calcare i ring con successo, RED è stato un riproduttore fantastico. Una sua figlia ATKA DEL BIAGIO con AXEL DEL BIAGIO, a sua volta nipote di RED e figlio di VYKON’S WIND BENEATH MY WINGS, produsse nel 1994 una cucciolata epocale. aDa quell’accoppiamento, infatti, nacque ROYAL STAR DEL BIAGIO, un esemplare a dir poco favoloso. Posso consapevolmente affermare che nella storia della Cinofilia Europea non è mai esistito un altro malamute con le sue qualità. Tre volte Campione del Mondo, dieci Best in Show, Campione Italiano, Internazionale e Sociale, Campione Riproduttore, Winner BOB a Stoccolma, Campione Croato, Okv-Bundessiger, Winner Euro Dog 1995/1996, e tanti altri successi. L’affermazione più prestigiosa ROYAL l’ha ottenuta al raduno nazionale dell’Alaskan Malamute of America. In questo raduno annuale, dove partecipano i più quotati allevatori Americani (trecentosettantanove cani iscritti, novanta in classe campioni) ROYAL ha conquistato l’AWARD OF MERIT, un importante riconoscimento che è a facoltà del giudice concedere unicamente a quel soggetto che egli ritiene a pari merito con quello dichiarato Migliore di Razza. Un riconoscimento mai concesso ad allevatori Europei. Di lui rimarrà un ricordo indelebile nel mio cuore, e sono sicuro anche in quello di chi l’ha conosciuto, e tanti illustri figli e nipoti in giro per il mondo. Ne cito alcuni che hanno lasciato il segno in America e in Europa.

WILD WIND’S ROYAL MOUNTY, Campione USA eccellente riproduttore, padre a sua volta di oltre venti campioni.

SAKUNIK DEL BIAGIO, eccellente soggetto. Campione Italiano, Internazionale, e Bundessiger VHD 1998. Soprattutto, però, a sua volta, un riproduttore straordinario. Padre di una coppia di soggetti che ha fatto la storia nella cinofilia Europea ELIS DEL BIAGIO e ACTIVE DEL BIAGIO.

CRUSADER DEL BIAGIO, un soggetto affascinante. Campione Italiano, Internazionale, Tedesco, Campione Mondiale ed Europeo. Vincitore della classe veterani al Cruft 2007,ecc.. quando si dice che la voglia di vincere non manca mai.

RAIMBOMAKER DEL BIAGIO, altro soggetto splendido. Campione Italiano e Internazionale, Vice Campione Mondiale, nonché vincitore del BOB al mitico Cruft.

GIVING A NEW ROYAL STAR DE JUNGLA NEGRA “ROLLY” un esemplare fantastico. Campione Italiano Internazionale, Spagnolo, Lussemburghese, Monaco, San Marinese. Vincitore di dieci  Best in Show. Trionfatore al Cruft 2007, dove primeggia anche al Working Group, primo malamute non inglese di nascita. Campione Mondiale in Polonia, ed Europeo in Finlandia, paesi Scandinavi che per prestigio degli Show sono secondi solo all’Inghilterra.L’elenco sarebbe ancora lungo, poiché innumerevoli sono i figli di ROYAL che hanno conseguito campionati in Italia ed Europa. Naturalmente, poi, ci sono anche i nipoti che hanno fatto la storia.

ELIS DEL BIAGIO senza dubbio è la massima espressione della femminilità canina. Una star incontrastata in tutte le manifestazioni alla quale ha partecipato. Soggetto di rara bellezza oltre a vari campionati vinti in tutta Europa è stata tre volte Campionessa Mondiale e Tre volte Campionessa Europea, vincitrice di cinque Best in Show.

ACTIVE DEL BIAGIO è stato il malamute dei record, con i trenta Best in Show vinti in tutta Europa. Vincitore di tre Campionati Mondiali e tre Campionati Europei. Per ben cinque volte è stato ospite d’onore al Collare d’Oro, manifestazione cinofila andata in onda su Canale 5. Oltre ai molteplici Campionati conseguiti in Italia e in Europa. Soggetto dalle peculiarità psicosomatiche meravigliose, con un carattere dolce e affettuoso, noto per il grande temperamento da show-dog. Un cane bellissimo da guardare, con linee imponenti, ma non pesanti e un movimento sciolto ed elegante. Tutto questo ha fatto di ACTIVE un esemplare famoso e riconosciuto dai giudici di tutto il mondo, quasi fosse una Pop Star. Ottimo riproduttore, soprattutto di eccellenti femmine tra le quali La Campionessa Mondiale FRUTTA DÌ ITALY THE BESTIAL FACE OF BEAUTY, la due volte Campionessa Europea ALEXAN DEL BIAGIO, le Multi Campionesse PRISCILLA DEL BIAGIO, LEDA DEL BIAGIO, LENA DEL BIAGIO, e il Campione Italiano SANDCREEK DEL BIAGIO, oltre ad altri figli campioni sparsi in tutta Europa.

ALEXAN DEL BIAGIO altra bellissima femmina. Campionessa Italiana, Internazionale, San Marinese Lussemburghese e Finlandese. Due volte Campionessa Europea a Bratislava nel 2003 a Helsinki nel 2006.

Naturalmente ci sono altre linee che hanno contribuito al mio successo. VYKON’S WIND BENEATH MY WINGS è stato il padre anche di RAIDER DEL BIAGIO, un malamute imponente e carismatico. Oltre ai vari campionati conseguiti in Europa, è stato Vice Campione Mondiale e Campione Europeo a Tullin nel 1999, dove ha conquistato il Best in Show su 6704 soggetti iscritti.

AXEL, inoltre, è stato anche il padre di DAY STAR DEL BIAGIO altro soggetto pluricampione che ha conseguito titoli in tutta Europa, conquistando con pieno merito anche il Campionato Americano. DAY, inoltre, si è dimostrato anche lui un eccellente riproduttore dando i natali a splendidi campioni tra i quali voglio ricordare.

BRIAN DEL BIAGIO un esemplare stimato dai giudici allevatori Americani, che ha nella sua espressione affascinante uno dei suoi punti di forza. Pluricampione vincitore di due Best in Show, ha conquistato il Campionato Europeo nel 2007 a Zagabria.

IRON BUTTERFLY DEL BIAGIO Soggetto ancora giovane, ma già Campione Italiano, molto apprezzato dai giudici allevatori Americani che gli hanno assegnato prestigiosi BOB, come alla monografica CIRN del 2007.

Poi c’è il nostro futuro, AUGUS DEL BIAGIO ormai molto più di una speranza. Giovane Promessa Enci, ha spopolato in classe giovani conquistando numerosi Young Best in Show.  Infine CRYSTAL HEART DEL BIAGIO figlio di IRON, un giovanissimo malamute molto promettente.L’Alaskan Malamute, però, è essenzialmente un cane da lavoro, davanti ad una slitta si coniuga la sua riconosciuta bellezza con la sua innata attitudine al traino. Per questo il centro di Selezione Del Biagio ha un suo Team di Sleddog, avviato con Giovanni Pandolfi e Rita Figini, attualmente coordinato dall’eccellente musher e grande amico, Giorgio Pirini. Anche in questo campo, dopo un duro lavoro, sono arrivate gratificanti soddisfazioni. Dal 1993, infatti, deteniamo ininterrottamente il Campionato Italiano. Ci sono stati anche rilevanti piazzamenti a vari Campionati Europei e Mondiali. Ai Mondiali del 2007, il nostro team, con Giorgio Pirini, ha conquistato il quarto posto assoluto. Nella stessa edizione, un altro team di nostri cani dell’amico Mirko Rizzi ha conquistato il settimo posto di categoria. Nel 2007, i cani di Mirko ARNAQ DEL BIAGIO (altro figlio di ROYAL) e HETAN STAR DEL BIAGIO, inoltre, sono stati i primi, e al momento gli unici alaskan malamute europei, a ottenere la certificazione di lavoro USA, da parte dell’AMCA, per il titolo WTD (working team dog).

Una vita dedicata ad allevare questo meraviglioso cane, ci ho messo tanto impegno e passione, raccogliendo successi e riconoscimenti. Uno in particolare mi riempie d’orgoglio, la recente lettera di apprezzamento e congratulazioni del mitico allevatore Americano Robert Zoller, titolare del famosissimo affisso Husky - Pak autentica pietra miliare della razza. Come vicepresidente del CIRN (Club Italiano Razze Nordiche) e presidente del SERAM (Sezione di Razza Alaskan Malamute), il mio obiettivo è divulgare in modo corretto e appropriato la conoscenza dei cani nordici in generale, e dell’Alaskan Malamute in particolare, ancora oggi poco conosciuto dal grande pubblico. Cito quanto detto da Natalie Norris una delle prime appassionate di Alaskan Malamute e una delle più note concorrenti femminili di sleddog.

“La razza Malamute è troppo bella e particolare per permettersi di rischiare di mutare le caratteristiche che secoli di adattabilità all’ambiente hanno prodotto. Dovremmo allevare non solo validi Malamute ma validi esemplari come quelli trovati originariamente in Alaska. Non si tratta di allevare un Malamute migliore, ma di allevare un cane valido quanto un Alaskan Malamute”.